Palcoscenico planetario

Rotola rotola il tempo che va

quel che era ieri non è più qua

quel che c’è oggi domani chissà.

 

Gira gira ancora la ruota

diversa è la musica

stessa è la nota.

 

Il sole sorge la luna cala

quando lui si nasconde

lei si prepara.

 

Corrono gli uomini

fra strade e palazzi

vanno di fretta che sembrano pazzi.

 

A volte l’amore li fa rinsavire

perché qualcosa aiuta a capire

di questo strambo andare e venire.

 

Qualcuno oggi nasce

qualcuno parte

e ognuno gioca con le sue carte.

 

In questo mondo stupendo e vario

siamo in miliardi davanti al sipario

di un palcoscenico planetario.

 

Alcuni applaudono e altri no

ma c’è chi neanche

si accorge un po’.

 

Viaggiamo insieme

sullo stesso pianeta

eppure ognuno ha la sua meta.

 

Siamo diversi e tutti uguali

ed è proprio questo

che ci rende speciali!

 

 

P@R

Tratto dalla collana di poesie per l’infanzia  “Dal cielo alla terra, dalla terra al cielo …e altre storie”

Immagine di Andrea Agostini