Mai ti vinse notte così chiara

 

Mai ti vinse notte così chiara

se t’apri al riso e par che tutta tocchi

d’astri una scala

che già scese in sogno rotando

a pormi dietro nel tempo.

 

Era Iddio allora timore di chiusa stanza

dove un morto posa, 

centro d’ogni cosa,

del sereno e del vento del mare e della nube.

 

E quel gettarmi alla terra,

quel gridare alto il nome nel silenzio,

era dolcezza di sentirmi vivo.

 

 

Salvatore Quasimodo